testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Nonostante le diffide, la comunicazione all’Ispettorato del lavoro e la richiesta di conciliazione al Prefetto, nulla si è ancora sbloccato per i lavoratori della GEM srl, Oss e terapisti che operano all'interno del Centro di Educazione Motoria del Comitato Area Metropolitana della Croce Rossa, convenzionato con il SSR. Fermi ancora la tredicesima 2020 e gli stipendi di dicembre, gennaio, a cui a breve rischia di aggiungersi anche febbraio.

“La situazione è sempre più insostenibile: sono lavoratori che continuano ad affiancare nei servizi alla salute i colleghi di Croce Rossa, e nessun rispetto per loro da parte della società che gestisce i servizi in appalto. Con stipendi a singhiozzo e in ritardo, come accade da anni”, denuncia la Fp Cgil di Roma e Lazio.

“Abbiamo richiesto l’apertura del confronto con Croce Rossa, oltre che per avere riscontro sui contenziosi con la Gem, a monte del ritardo degli stipendi, sia per individuare i possibili percorsi di internalizzazione di questi lavoratori, nel rispetto delle norme regionali sugli accreditamenti, per restituire dignità, certezza e garanzia occupazionale a questi lavoratori che da anni garantiscono servizi all’utenza più fragile, su cui ci auguriamo di arrivare presto a soluzione”, prosegue il sindacato.

“Assolutamente inaccettabile – continua la nota - resta l’atteggiamento della società, che continua a non dare risposte e a non erogare gli stipendi arretrati ai lavoratori. A seguito del tentativo di conciliazione in Prefettura, senza aperture né garanzie per i lavoratori andremo allo sciopero. Non è possibile lasciare senza retribuzione chi si occupa della salute dei cittadini. Sono l’anello più debole del sistema sanitario, frammentato in esternalizzazioni e appalti, usati a tutti gli effetti come armi di ricatto nei contenziosi tra committenza e appaltatore, calpestando il rispetto dei diritti più basilari”.

                                                                             

“I bisogni della cittadinanza aumentano, il lavoro che questi operatori portano avanti è essenziale, e con la pandemia è sempre più chiaro a tutti quanto sia centrale e prezioso il lavoro di chi opera al servizio della nostra salute. Rispettarlo e garantirlo, è un dovere che va di pari passo con quello di garantire cure universali e assistenza alla cittadinanza”, conclude la Fp Cgil.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy