testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 “I lavoratori della GEM Srl, che operano all'interno del Centro di Educazione Motoria del Comitato Area Metropolitana della Croce Rossa, convenzionato con il SSR, vivono da anni il dramma dei ritardi nei pagamenti. Sono Operatori Socio Sanitari e Terapisti che lavorano a fianco dei colleghi di Croce Rossa ma che, rispetto a loro, sono ad oggi indietro con lo stipendio di dicembre, ancora non hanno ricevuto la tredicesima, e rischiano di restare indietro anche lo stipendio di gennaio”, dichiara la Fp Cgil di Roma e Lazio.

“La stessa regolarizzazione degli stipendi dei lavoratori di Croce Rossa è avvenuta solo dopo una lunga mobilitazione dei lavoratori e diversi incontri con l’amministrazione. Ora va ripristinato il diritto a una retribuzione regolare anche per i lavoratori in appalto, che a loro volta, come troppo spesso accade, sono ostaggio di contenziosi, veri o presunti, tra il committente e l'appaltatore, e pagano sulla loro pelle i rimpalli di responsabilità”, prosegue il sindacato.

“Non sono lavoratori di serie B ma a tutti gli effetti lavoratori del servizio pubblico, che svolgono un compito molto delicato, a contatto con utenti fragili, e che in questo periodo di pandemia, come tutti, hanno dato e stanno dando un contributo enorme, superiore alle loro forze. Purtroppo, come troppo spesso accade nel sistema degli appalti, sono loro a pagare le irregolarità e a cadere nelle maglie di un sistema frastagliato, nell’ambito degli appalti nei servizi sanitari”, continua la nota.

“La società, nonostante le richieste di convocazione, finora ha negato il confronto. E non è la prima volta che scarica la responsabilità e non si occupa minimamente del dramma che vivono i lavoratori alle proprie dipendenze, trincerandosi nel silenzio. Mentre chi si prende in carico un appalto, ha l’obbligo di garantire lo stipendio ai propri dipendenti, a prescindere da diatribe con la committenza”.

“Dopo la nostra richiesta, siamo stati convocati per il prossimo lunedì dal Comitato della Croce Rossa, sia per quanto riguarda la trasparenza dei pagamenti e dei contenziosi con la società, sia per verificare la possibilità di avviare un percorso di internalizzazione di questi lavoratori, anche nel rispetto di quanto prevede la legge regionale per le strutture accreditate. Subito dopo saremo in assemblea con i lavoratori per calendarizzare le iniziative da intraprendere, sia di mobilitazione, anche arrivando allo sciopero, sia legali per il recupero della tredicesima e delle mensilità mancanti”.

È inammissibile che professionisti che operano nel servizio pubblico, si ritrovino a vivere al limite della sostenibilità, per loro e per le loro famiglie, senza veder riconosciuto il più basilare dei diritti. Oltre a ripristinare la regolarità della retribuzione, è necessario dare garanzie sul futuro di questi lavoratori e insieme a loro lotteremo per ottenerle”, conclude la Fp Cgil di Roma e Lazio.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy