testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 “Il dramma che si è consumato questa notte presso la casa di riposo di Lanuvio rende ancor più urgente l’avvio del confronto con la Regione per rivedere la normativa relativa a queste strutture, dai requisiti minimi alle condizioni di lavoro, e l’attivazione di un sistema di controlli volto al miglioramento qualitativo delle condizioni di assistenza garantita agli ospiti, come degli operatori che vi lavorano”, così Giancarlo Cenciarelli, Segretario generale Fp Cgil di Roma e Lazio.  

“Troppo spesso arrivano alle cronache casi di maltrattamento, notizie di carenze strutturali, e, con l’epidemia Covid, il numero elevato di focolai dovuto a scarsi controlli e protocolli di sicurezza adeguati. La pandemia ha fatto emergere ed acutizzato aspetti lasciati troppo in ombra e senza adeguato controllo da parte delle istituzioni”, prosegue Cenciarelli.

“Con l’accordo dello scorso settembre, tra parti sociali e Regione Lazio, si è condiviso un percorso per restituire centralità all’assistenza socio sanitaria pubblica, sia attraverso interventi sugli accreditamenti e nella previsione di nuove RSA pubbliche, sia con la revisione della normativa relativa alle case di riposo, per la maggior parte gestite da privati, sui cui standard di assistenza è necessario vigilare. Le zone d’ombra vanno dai requisiti strutturali a quelli gestionali, che hanno ricadute sui livelli di servizio per gli ospiti e sulle condizioni dei lavoratori. Il personale è spesso sottoinquadrato o assunto con contratti “pirata”, sottoposto a ritmi di lavoro eccessivi, mentre non sempre sono chiari ruoli e compiti. Un’opacità complessiva su cui non si può più attendere”, aggiunge il segretario Fp Cgil Roma e Lazio.  

“Sia nelle case di riposo comunali che in quelle private, dovrebbero essere ospitati solo anziani autosufficienti o, definizione di per sé non chiara, semi autosufficienti. Il confine tra case di riposo e RSA, rispetto alle necessità degli ospiti, non è così netto. C’è  bisogno di maggiori regole come di una maggiore integrazione con la rete socio sanitaria territoriale, per attività di prevenzione e cure, anche per le stesse case di riposo. I controlli delle Asl limitati al Covid, dove peraltro nella stessa struttura erano in corso le procedure di trasferimento dei pazienti, non bastano”.

“Assolutamente urgente, quindi, dare seguito agli impegni presi: la Regione avvii quanto prima il previsto tavolo di confronto sulle norme che regolano l’apertura e la gestione di queste strutture, includendole in un piano di complessivo rafforzamento del sistema dei servizi socio sanitari ad anziani, non autosufficienti e disabili. Per la dignità e la garanzia di assistenza adeguata agli ospiti e per la tutela degli stessi lavoratori”, conclude.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy