testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 La questione dei 70 precari dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari, è ancora aperta. Oggi le lavoratrici e i lavoratori hanno protestato sotto al Ministero della Salute: “Dopo l’ultima proroga ottenuta per due mesi, da ottobre a dicembre 2020, è quantomai urgente definire a livello normativo il percorso di stabilizzazione per chi, al fianco delle 146 unità stabili all’interno dell’Agenzia, si occupa da anni di portare avanti le attività”, dichiarano Paolo Terrasi, Marco Giobbi e Angelo Angritti, responsabili di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio.

“Con l’emergenza Covid-19, all’Agenzia sono stati affidati ulteriori compiti di supporto tecnico operativo alle regioni, circa la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale. Chiediamo al ministro Roberto Speranza l’impegno a sostenere in Commissione bilancio l’emendamento che riguarda la stabilizzazione dei 70 lavoratori”, proseguono i sindacalisti.
“L’emendamento in questione, infatti, definisce modalità e risorse aggiuntive per consentire l’assunzione a tempo indeterminato dei precari storici dell’agenzia, impiegati anch’essi nel complessivo sistema dei servizi pubblici alla salute. Dove è prioritario tornare ad investire: tra le ragioni dello sciopero di ieri, le politiche assunzionali e l’avvio di un piano straordinario per l’immissione di professionalità e risorse stabili all’interno della PA è una rivendicazione centrale, per ridare slancio e forza ai servizi pubblici”, aggiungono Terrasi, Giobbi e Angritti.
“Siamo stati ricevuti al Ministero, ma non è stato possibile un confronto diretto col ministro Speranza. È quantomai necessario che si sostenga, nel complesso degli interventi relativi alla sanità pubblica, anche questa vertenza, una tra le più importanti battaglie aperte per il superamento del precariato in ogni ambito dei servizi pubblici, a partire dalla sanità, che ricordiamo nel Lazio riguarda il 10% del comparto. *Per questo ci aspettiamo dal ministro una dichiarazione risolutiva a cui facciano seguito fatti concreti in tempi brevi. Fino ad allora la mobilitazione non si fermerà”, concludono.

 LE FOTO DEL PRESIDIO

previous arrow
next arrow
Slider

 

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy