testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

“Pubblico per il pubblico, lavoratori uniti per dare cure e servizi ai cittadini”. Questo lo slogan dell’iniziativa, promossa da Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl di Roma e del Lazio nell’ambito della mobilitazione nazionale, che si svolgerà venerdì 13 novembre a partire dalle ore 10.00 presso il Policlinico Umberto I, cui parteciperanno i segretari generali nazionali di categoria Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli e Michelangelo Librandi.

 I lavoratori del pubblico impiego e dei servizi pubblici parteciperanno in segno di solidarietà verso il personale sanitario che sta affrontando in prima linea questa emergenza pandemica, per rivendicare il diritto a lavorare in sicurezza, il rinnovo dei contratti e nuove assunzioni. Una iniziativa che segue lo stato di agitazione già proclamato dalle categorie nelle scorse settimane. In questa fase di mobilitazione del lavoro pubblico per rivendicare innovazione nella Pa, rinnovo dei contratti e nuove assunzioni, “le lavoratrici e i lavoratori pubblici danno massimo sostegno e priorità a tutto il personale sanitario – spiegano le categorie dei servizi pubblici Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio. “È assolutamente necessario garantire loro di lavorare in sicurezza, assicurandogli costantemente dispositivi di protezione individuale, tamponi e sorveglianza sanitaria. Se non ci occupiamo di mettere in sicurezza il personale sanitario, mettiamo a rischio la loro salute, quella dei cittadini e il servizio di cura. Solo da pochi giorni nel Lazio si è reso più stringente l’impegno a effettuare test ogni 15 giorni per tutto il personale sanitario delle strutture pubbliche e private e per chi si occupa di servizi sociosanitari e socioassistenziali, inclusi i servizi comunali. Lavoriamo per estendere ancora la sorveglianza sanitaria includendo tutto il personale, come chi, ad esempio, si occupa di pasti e pulizie negli ospedali, e di garantire adeguata formazione e sufficienti forniture di DPI”.

“I contagi tra gli operatori, oltre 2000 nel Lazio, sono una conseguenza delle disomogeneità registrate nelle varie aziende e strutture sanitarie in tema di sicurezza, non solo riguardo a test e dispositivi ma anche riguardo a protocolli e percorsi non chiaramente distinti tra Covid e non Covid. Contagi che, oltre che a costituire un rischio per la salute, aggravano le condizioni di lavoro per chi è in servizio, mettendo in luce le carenze di personale che da anni denunciamo, su ogni professionalità. Oltre 6500 tra medici e infermieri sono stati assunti, e nuove selezioni si stanno aprendo, ma per colmare il deficit, che ha fatto perdere nel Lazio oltre il 10% del personale in 15 anni, deve essere fatto uno sforzo straordinario per immettere personale in più, almeno 10 mila unità, in forma stabile, utilizzando ogni spazio finanziario e normativo possibile, anche attraverso la stabilizzazione dei precari”. Infine, concludono: “è importante che si rinnovino i contratti, per valorizzare la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori. Non solo una gratificazione nei confronti di chi con spirito di abnegazione sta affrontando la pandemia in condizioni critiche, ma anche prima di tutto un diritto”.

“Una mobilitazione collettiva di lavoratrici e lavoratori pubblici, contro chi nega l’esistenza del virus, dell’emergenza epidemiologica e del rischio che stanno correndo medici, infermieri e tutto il personale sanitario. Per dare il massimo sostegno a chi garantisce la nostra salute”, concludono Fp Cgil Cisl Fp Uil Fpl, che, nel Lazio, confermano il doppio appuntamento di domani e del 16 novembre, con il presidio che si terrà sotto la Regione Lazio dalle 9.30 alle 13.00. “Oltre alle priorità elencate, le stesse per tutto il territorio nazionale, continuiamo a tenere alta l’attenzione su un altro tema prioritario in questa regione: le condizioni di lavoro per gli operatori della sanità privata accreditata e la mancata applicazione del CCNL appena rinnovato”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy