testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 Mercoledì 28 ottobre alle 15 in diretta sulla pagina Facebook della Fp Cgil di Roma e Lazio l’iniziativa promossa dal sindacato per discutere insieme a lavoratrici e lavoratori dei punti critici del sistema sanitario, oggi più che mai sotto attenzione: carenze di personale, rinnovo del contratto del comparto pubblico, regolazione del sistema privato, recupero dello spazio pubblico nei servizi alla salute, dalle RSA ai servizi di prossimità, e un nuovo contratto per i lavoratori delle RSA accreditate. Sono i temi inclusi nel “New deal per la salute” condiviso da Cgil e Fp con lo stesso ministro Speranza, per l’apertura di un confronto istituzionale a livello nazionale, calati nelle specificità del territorio di Roma e del Lazio, che da una parte è caratterizzato da centri d’eccellenza e policlinici universitari di riferimento per l’intero paese, dall’altro registra una carenza di personale doppia rispetto al resto d’Italia negli ultimi 15 anni, e sconta la fragilità di un sistema su cui non si è potuto investire per anni e che per quasi la metà si regge sul privato accreditato.

“Di queste ore la nostra denuncia sul personale e la necessità di procedere celermente a un’immissione straordinaria di nuove risorse nel SSR, dopo anni di blocco, che riguardi almeno 10.000 nuove unità. Agli operatori sanitari del comparto si aggiunge oggi l’allarme dei medici, dove si verifica il paradossale scarto tra fabbisogni e risorse specializzate disponibili. Frutto della mancata correlazione tra sistema sanitario e specializzazione universitaria, carenze borse a disposizione, percorsi formativi, sbocchi professionali certi. Il pubblico deve complessivamente tornare ad essere esteso e anche attrattivo per chi sceglie la cura e la salute come professione”.

“Il sistema ha bisogno di essere potenziato, non solo per rispondere all’emergenza Covid – e nella conseguente attivazione di percorsi distinti e in piena sicurezza per lavoratori e cittadini – ma anche per non lasciare indietro il resto del sistema di cura. E questo si può fare solo riprogettando i servizi di prossimità, lavorando per l’integrazione della rete, nella medicina di comunità e nei servizi domiciliari, investendo risorse e potenziando personale in ogni punto della rete. Dagli ambulatori alla medicina generale, finora lasciata a studi privati, alle RSA, insieme ai servizi di lungodegenza e riabilitazioni in pieno controllo del privato accreditato, dove diritti e salari dei lavoratori pagano il peggior dumping contrattuale. Non ultima l’attenzione all’innovazione, che vuol dire anche regolamentare all’interno della contrattazione lo smart working, quale leva per una più sostenibile erogazione dei servizi: ci sono aree amministrative anch’esse indebolite da tagli e pensionamenti, che sono essenziali tanto quanto gli operatori sanitari in prima linea, occupandosi di selezioni di personale, acquisti, accesso ai servizi e liste d’attesa. Regolare il privato e ampliare il perimetro pubblico, al contempo investire nella buona occupazione, ma anche rinnovare contratti pubblici e privati per adeguare tutele, salari e diritti: tanti sono i temi e gli aspetti tra loro correlati che possono costituire punti strategici di una nuova sanità, davvero efficace ed estesa. Che sul lavoro e sui diritti di tutti fondi la sua centralità”.

 

RIVEDI LA DIRETTA DELL'INIZIATIVA DEL 28 OTTOBRE 2020 

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy