testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Cgil Cisl Uil: “Contro il gioco sporco di Aris e Aiop, mobilitazione sempre più forte: 31 agosto nuova manifestazione e poi presidi e proteste fino allo sciopero nazionale”

Lavoratrici e lavoratori della sanità privata del Lazio ancora in piazza oggi davanti alla Prefettura di Roma per chiedere la firma definitiva del nuovo contratto, dopo che Aris e Aiop hanno rifiutato di ratificare la preintesa già sottoscritta il 10 giugno scorso. “Un atto vergognoso contro i 25mila operatori che nel Lazio mandano avanti quasi la metà del servizio sanitario regionale. Tutto ciò sta esasperando i lavoratori, con il rischio che salti l’intero sistema di salute. Non c’è alternativa: il contratto va rinnovato subito”, attaccano Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini - segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio – in seguito alla manifestazione e all’incontro con il Prefetto capitolino.

“Salario, professionalità, tutele, allineamento al Ccnl della sanità pubblica, stop al dumping e ai contratti pirata come quello applicato nelle Rsa, rigore nelle regole dell’accreditamento. Apprezziamo la sensibilità della Prefettura che ha ricevuto una delegazione dei rappresentanti dei lavoratori per ascoltare dalla loro voce diretta il disagio e le difficoltà che stanno subendo da oltre un decennio. Abbiamo ribadito le nostre rivendicazioni al rappresentante del governo nel territorio simbolo di questa vertenza. Il Prefetto ha raccolto le nostre istanze ed è stato invitato dalle organizzazioni sindacali a riportarle al Ggoverno, al Ministro della Salute e alla Regione Lazio. Serve un’accelerazione immediata. Dopo 14 anni di attesa, un lockdown vissuto in prima linea e con la pressione sulle strutture sanitarie che resta fortissima, la legittima rabbia dei lavoratori rischia di esplodere”, attaccano i segretari regionali di categoria. “Nel Lazio, più ancora che nel resto del Paese, lasciare questi lavoratori senza risposte e senza contratto vuol dire mettere a repentaglio la tenuta del Ssr, oltre a negare la dignità professionale di chi difende la salute di tutti. Noi non ci stiamo”.

“Questo gioco degli imprenditori, “predoni”, che si arricchiscono sulla pelle di chi lavora e con i soldi dei contribuenti deve finire. Alle istituzioni, Regione Lazio in primis, chiediamo velocità e rigore. Budget e tariffe aggiornati devono assicurare retribuzioni giuste e garanzie sulle condizioni di lavoro, in piena parità con la sanità pubblica”, proseguono Cenciarelli, Chierchia e Bernardini. “E poi bisogna intervenire sugli accreditamenti: chi non è in regola con il rinnovo dei contratti, chi applica contratti pirata, chi fa profitti sfruttando precariato ed esternalizzazioni abbassando ulteriormente le tutele dei lavoratori, al solo scopo di aumentare a dismisura i profitti non deve avere cittadinanza nel sistema di salute e va messo fuori”.

“Per questo il 31 agosto saremo di nuovo in piazza. E poi proseguiremo con un crescendo di iniziative, presidi, assemblee in tutti i posti di lavoro della sanità accreditata, fino alla proclamazione dello sciopero nazionale”, concludono i segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio. “La nostra lotta sarà senza tregua fin quando non avremo la firma definitiva sul rinnovo”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy