testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Cgil Cisl Uil: “Vergognoso. Regione blocchi i tentativi di dumping. La nostra reazione sarà durissima”

“Un atto vergognoso sul piano morale e di aperta ostilità verso lavoratori che aspettano un rinnovo da 14 anni. I patti si onorano, Aiop Lazio dimostra una volta di più di comportarsi come il peggior datore di lavoro. Rifiutiamo questo gioco d’azzardo, prepareremo una reazione durissima”. E’ furiosa la risposta di Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini, dopo che all’incontro seguito alla manifestazione di questa mattina, l’associazione datoriale della sanità privata laica ha annunciato di non voler apporre la firma definitiva sulla preintesa sottoscritta il 24 giugno scorso da tutte le associazioni imprenditoriali, fra cui Aiop nazionale.

La scusa, comunicata senza mezzi termini alla delegazione di Cgil Cisl Uil, è la poca fiducia che l’Aiop regionale riporrebbe nell’impegno delle istituzioni regionali rispetto all’incremento di tariffe e budget per il finanziamento dei servizi alla salute. Motivazione che però sembra nascondere le vere mire degli imprenditori: incassare risorse pubbliche fresche prima di rispettare il contratto. Un velato ricatto che rischierebbe di portare all’impasse il sistema sanitario regionale, di cui la sanità accreditata rappresenta il 40%, e di mettere in gravissima difficoltà i 25mila operatori che, insieme ai colleghi delle strutture pubblicche, hanno fin qui tenuto in piedi le prestazioni di cura e assistenza anche durante la pandemia e nonostante i diritti negati.

“Chi fa servizio pubblico non può fare dumping. Chi è pagato con soldi dei contribuenti deve essere in regola con le leggi e con i rinnovi di contratto e deve rispettare il diritto dei lavoratori al sacrosanto aumento salariale e alle tutele”, mettono in chiaro Cenciarelli, Chierchia e Bernardini. “La Regione Lazio deve intervenire subito: bisogna fare chiarezza, una volta per tutte, sulle conseguenza che devono ricadere su chi non onora le regole basilari del Ssr. Non ci può essere accreditamento con il sistema pubblico per chi vuole giocare e arricchirsi illegittimamente sulle spalle dei propri dipendenti e dei cittadini”.

“I lavoratori della sanità privata si sono stra-guadagnati un rinnovo che li vede indietro di 4 tornate contrattuali. Hanno dato prova di fronte a tutta la comunità di uno spirito di servizio e di un senso di responsabilità straordinario. Le loro professionalità sono insostituibili e deve essere garantito il riconoscimento economico e contrattuale che è dovuto loro. La Regione Lazio, che ha competenza esclusiva sulla regolamentazione e il finanziamento del Ssr, non può restare a guardare”, concludono i segretari regionali di categoria. “L’accordo nazionale prevede che entro luglio i lavoratori della sanità privata abbiano un nuovo contratto. Se così non sarà, prepareremo una lotta senza quartiere contro questa vergogna e questa ingiustizia”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy