testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Cgil Cisl Uil: “Difendiamo occupazione e salari. Impensabile disperdere professionalità e competenze: è oltraggio ai bisogni di salute delle persone"

 La protesta delle lavoratrici e dei lavoratori della casa di cura Villa Fulvia fa il bis. Ma con una novità importante che rende chiarissima la situazione degli interessi in campo: questa mattina, infatti, al presidio degli operatori di fronte alla sede della Asl Roma 2 è presente anche una delegazione dei genitori di bambini in attesa di terapia. Alle bandiere di Cgil Cisl Uil si sono aggiunti i cartelli delle famiglie dei piccoli utenti, a segnare la piena vicinanza alla mobilitazione dei lavoratori, ma soprattutto a manifestare la portata dei bisogni di salute della collettività: “inclusione e non esclusione”, “tutela dei progetti dei nostri figli”, “basta tele-riabilitazione”, “150 bambini vittime del Covid insieme ai loro terapisti”. Così si legge nei messaggi indirizzati dalle famiglie all’azienda sanitaria e alla Regione Lazio, con riferimento alle terapie dei bambini sospese il 15 marzo a causa del Covid e riprese il 18 maggio ma solo nella poco efficace modalità di tele-riabilitazione. Per di più con lo spettro di un futuro di completa incertezza, data l’ipotesi sempre più concreta di sospensione dell’accreditamento, se non di chiusura vera e propria della struttura di Villa Fulvia.

“E’ impensabile mettere a rischio un patrimonio di professionalità e competenze che gli stessi utenti ritengono indispensabili, tanto da spingerli a scendere in piazza con i lavoratori”, dichiarano Claudio Maggiore, Sergio Pero e Dante Armati - responsabili territoriali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio – a margine del presidio di oggi. “Operatori, bambini e famiglie non devono pagare il prezzo di errori organizzativi e gestionali rispetto ai quali non hanno alcuna responsabilità. Licenziare lavoratori così qualificati, che peraltro nel volgere di poche settimane politica e management hanno fatto passare da “eroi” a “fis-occupati”, cioè a cassaintegrati a carico del Fondo integrazione salari, è profondamente immorale. Ma è anche un oltraggio vero e proprio ai danni della collettività e delle esigenze di cura e assistenza delle persone”.

“Tutti i lavoratori di Villa Fulvia devono essere tutelati”, tuonano i sindacalisti. “I dipendenti diretti dell’azienda, così come le lavoratrici e i lavoratori delle cooperative e i lavoratori autonomi con contratti di lavoro nei reparti e nei servizi della struttura sanitaria, devono avere garanzia di occupazione e retribuzione, tanto per la professionalità dimostrata e per il sacrificio sostenuto durante l’emergenza, quanto perché il sistema sanitario regionale, e soprattutto i cittadini, non possono fare a meno di loro”.

“Ora ci aspettiamo che si dia seguito all’impegno preso dalla Regione con Cgil Cisl e Uil per affrontare i casi come questo di crisi delle strutture sanitarie private nella fase post-Covid”, sottolineano Maggiore, Pero e Amati. “Va definito e reso vincolante per le strutture il meccanismo di salvaguardia per i lavoratori in caso di revoca dell’accreditamento o di chiusura, assicurando attraverso il ricollocamento la continuità occupazionale e salariale a infermieri, oss, tecnici, terapisti, ostetriche, professionisti e amministrativi".

“La nostra mobilitazione non si fermerà”, concludono i responsabili territoriali delle federazioni di categoria. “Moltiplicheremo le in iniziative di protesta e sensibilizzazione, fin quando non avremo tutte le garanzie su lavoro e stipendi per tutto il personale di Villa Fulvia”.

Il comunicato precedente sul presidio di ieri 21 luglio

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy