FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

I lavoratori della sanità privata da oltre 10 anni aspettano un nuovo contratto. Si terra domani, 25 settembre, dalle 9.30 alle 14 in Largo della Sanità Militare 60, la manifestazione nazionale dei lavoratori della sanitari privata, contestualmente alla trattativa sul rinnovo che vede impegnate le sigle con le parti datoriali Aris e Aiop. Trattativa che procede con lentezza e ha ancora molti punti aperti. La Sanità privata accreditata conta circa 150mila lavoratori, 25mila solo nel Lazio, e su di essa si regge gran parte dei servizi sanitari, in tutta Italia. Per la nostra Regione, circa il 40% delle prestazioni del SSR sono erogate da strutture private.

“E’ ora di dire basta: quando si entra in una di queste strutture, un cittadino non percepisce la differenza, ma sui lavoratori che ogni giorno contribuiscono a garantire la salute pubblica, il peso di un salario minore, minori diritti, minori opportunità di formazione, crescita e valorizzazione professionale, è tanto e non più sostenibile”, scrivono Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini, Segretari generali di Fp-Cgil Roma e Lazio, Cisl-Fp Lazio e Uil-Fpl Roma e Lazio.

“Nei mesi scorsi abbiamo lanciato una petizione al Presidente Zingaretti, alla Giunta e al Consiglio regionale su cui stiamo raccogliendo le firme dei lavoratori di tutte le strutture della sanità privata accreditata del Lazio.  Chiediamo non solo il sostegno istituzionale in Conferenza Stato-Regioni, ma, in particolare, l’impegno su un percorso certo che ridefinisca le regole e renda trasparente il sistema di accreditamento così come la gestione delle risorse.

“Per questo – concludono i segretari generali - saremo in piazza domani. L’obiettivo di un’occupazione di qualità anche nel sistema privato, che fermi il dumping e superi il precariato, è possibile solo incrociando le due strade: un nuovo contratto nazionale che riconosca diritti e dignità ai lavoratori, e l’impegno dell’istituzione regionale a mettere regole più stringenti su gestione, organizzazione e pianificazione dei servizi nelle strutture accreditate, tenendo al centro il lavoro”.

SCARICA LA LOCANDINA

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più