testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Nella giornata di ieri ha avuto luogo l’incontro in videoconferenza con gli assessori regionali alla Sanità, Alessio D’Amato, e all’integrazione socio-sanitaria, Alessandra Troncarelli.

Uno dei punti focali della discussione è stato lo smaltimento delle liste d’attesa per le prestazioni sanitarie ordinarie, sospese per tutto il periodo del lockdown e riattivate gradualmente solo di recente. Prestazioni che, in caso di ulteriori ritardi, rischiano di trasformarsi in urgenze che peserebbero molto più pesantemente sulla spesa sanitaria regionale.

“Alla Regione abbiamo chiesto di potenziare ulteriormente le assunzioni, facendo rientrare questa specifica attività nelle misure per il superamento della crisi”, ha detto Giancarlo Cenciarelli, segretario generale di Funzione Pubblica Cgil Roma e Lazio “ma anche di prevedere per il personale attualmente presente nelle strutture l’utilizzo di prestazioni aggiuntive volontarie con maggiorazioni significative della tariffa oraria, anche per quanto riguarda le prestazioni festive”.

I timori legati ad una seconda ondata epidemica dopo l’estate spingono infatti ad accelerare i processi tesi a recuperare il tempo perduto in primavera, quando l’impatto pandemico ha provocato un blocco vero e proprio delle prestazioni ordinarie su tutto il territorio regionale.

Un pericolo serio per il diritto alla salute dei cittadini del Lazio, da scongiurare velocemente con provvedimenti rapidi ed efficaci. 

“Ci aspettiamo risposte rapide soprattutto su questo punto: sia compiuto ogni sforzo possibile per smaltire le liste d’attesa in questo momento di “pausa” della pandemia, e consentire al Sistema Sanitario Regionale di presentarsi al meglio alle sfide alle quali il virus potrebbe sottoporlo nei prossimi mesi”, ha concluso Cenciarelli.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy