testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Ieri l’incontro fiume tra Comune, Camassambiente e sindacati, mentre i lavoratori erano in presidio.

Mantenimento dei livelli occupazionali, aumento dell’orario di lavoro, applicazione del contratto FISE- Assoambiente le priorità.

Nel merito dell’appalto in essere, la ASV, rispetto alla quale il Comune ha avviato un procedimento di contestazione, comunica che sta valutando “la possibilità di recedere dal contratto di ATI anche per effetto delle decisioni assunte dalla A.C. di Bitonto (socio di maggioranza di ASV) di porre in liquidazione la stessa società”. La Camassa conferma gli impegni assunti verso i lavoratori a settembre, dopo la formalizzazione dei servizi aggiunti al contratto d’appalto, in merito all’applicazione del CCNL di riferimento e l’aumento dell’orario di lavoro. Oltre alla definizione dei criteri da utilizzare per l’assorbimento del personale, in caso di subentro e assunzione degli obblighi ora ripartiti con la ASV.

“Ringraziamo i lavoratori del cantiere di Cerveteri che ieri hanno partecipato in tanti al presidio sotto la sede Comunale, dopo aver svolto regolarmente il servizio. Un servizio che nel comune di Cerveteri ha ritmi e carichi di lavoro insostenibili, un altro problema che dovrà essere quanto prima affrontato.

È anche grazie alla loro presenza, fino a tarda sera, che si sono fatti significativi passi avanti nella vertenza, per giungere a un importante accordo tra Fp Cgil, FAILEA, Amministrazione comunale e Camassa sulla garanzia del mantenimento degli attuali livelli occupazionali, sull’ applicazione del CCNL FISE Assoambiente,  sulla rivisitazione completa dell’organizzazione del lavoro e non ultimo sui criteri da utilizzare per ulteriori assunzioni.

Sciopero sospeso, per il momento, ma la lotta continua: le parti hanno concordato la scadenza del 10 febbraio per proseguire la discussione e cercare di chiudere definitivamente una vertenza che ormai dura da troppo tempo”.

Il responsabile Igiene Ambientale Fp Cgil Roma Lazio - Roberto Meroldi

Qui il testo dell’accordo 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy