Inaudito il silenzio dell'Amministrazione Comunale di Fiumicino ed inevitabile quella delle Aziende che costituiscono l'ATI .
Nonostante gli impegni presi nei giorni scorsi dall'Amministrazione Comunale riguardo ad una possibile convocazione sui fatti della messa a sequestro da parte della Guardia di Finanza dell'area di Pesce Luna, e su una gestione pianificata e condivisa del transitorio, tutto tace.
Il Sindaco, l'Assessore e la giunta evitano incomprensibilmente di dare la dovuta attenzione alle possibili ricadute sui lavoratori che espletano il servizio della raccolta dei rifiuti nel comune di Fiumicino.
La FP CGIL, finora inascoltata, non può stare ferma ad attendere gli eventi.
Avremmo voluto evitare azioni conflittuali, ma di fronte all'inerzia dell'Amministrazione e al perdurante, vergognoso silenzio da parte di chi, oltre alla prosecuzione del servizio, dovrebbe in primo luogo preoccuparsi anche dei lavoratori, che operano quotidianamente in condizioni sfavorevoli e di forte disagio, non restiamo a guardare.

Come preannunciato nei comunicati scorsi, stiamo indirizzando alle autorità competenti le nostre segnalazioni sulle condizioni di lavoro degli operatori e delle operatrici attualmente impegnate nell' ATI di Fiumicino.
Vi terremo informati.

Lo scrivono in una nota ai lavoratori Roberto Meroldi e Franco Fanelli, igiene ambientale Fp Cgil di Roma e Lazio. 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy