FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

"Siamo convinti che la Raggi smentirà le indiscrezioni giornalistiche che vorrebbero il Campidoglio intenzionato a prevedere nel nuovo contratto di servizio una clausola che interviene sul salario accessorio in caso di inadempienze di Ama. Per due ragioni: vorrebbe dire che la Giunta non sa che il premio di produttività è già legato ai misuratori di performance aziendali e che in attesa del bilancio i dipendenti non hanno ricevuto nemmeno la quota del 2017. Una operazione così scioccamente punitiva avvalorerebbe le tesi di chi crede che non hanno alcuna contezza dei fatti". Così in una nota Natale Di Cola, Marino Masucci e Massimo Cicco, rispettivamente segretari generali di Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel di Roma e Lazio.

"Chi amministra la Capitale - aggiungono - dovrebbe essere preoccupato delle spaventose condizioni di lavoro, della raccolta manuale che esplode. Dovrebbe progettare gli impianti visto che dopo due anni e mezzo abbondanti questa Giunta oltre ad aver eliminato i progetti in essere non ha saputo produrre un singolo avanzamento. In questi anni la situazione impiantistica di Roma è persino peggiorata".

"Attendiamo ancora l’approvazione del bilancio, che il Campidoglio convochi il tavolo per discutere della modifica alla delibera 52 prevista dagli accordi sottoscritti e che si apra il dibattito sul futuro del ciclo dei rifiuti. Vista anche le difficoltà che riscontriamo in azienda nel rapporto con il management e nelle relazioni industriali, ormai a un passo dall’interruzione, questo elemento non fa che peggiorare un clima in cui come sempre a pagare sono i lavoratori. Non staremo a guardare - concludono i sindacalisti – qualora si dovesse ripete la solita operazione denigratoria".

Qui la notizia su Il Messaggero del 9 gennaio 2019

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy