testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Si è tenuto in data 19 Maggio un incontro sindacale da remoto sulla presentazione della prima bozza di piano ferie. La Cgil aveva chiesto la convocazione urgente a seguito delle mail di alcuni responsabili che organizzavano piani ferie in alcuni settori al pubblico senza che l’Azienda avesse avuto alcun confronto con le rappresentanze dei lavoratori. La Cgil, ha aperto il proprio intervento contestando tale modalità di azione ed ha chiesto la modifica di alcuni punti del documento presentato.

Per il settore museale permane l’assenza dei blocchi che, ricordiamo, fu richiesto ed ottenuto proprio da questa Organizzazione; nell’incontro odierno ha inoltre evidenziato che il numero di personale a cui sarà consentito di assentarsi a luglio ed agosto è diminuito rispetto al piano 2019, presumibilmente ma ne ha chiesto conferma, a causa della riduzione d’organico. Per il settore turistico la Cgil ha stigmatizzato quanto affermato nella mail inviata al personale lo scorso 10 maggio circa il rientro in sede del personale in agile nel settore del call center, oggi riportato nuovamente nella bozza, chiedendone l’eliminazione. Si è inoltre richiesto di restringere il range dei periodi estivo e natalizio giudicando impossibile, oltre che surreale, la sovrapposizione di richieste oltre il 50% il 14 giugno oppure il 13 dicembre.

Biblioteche ed Informagiovani mantengono l’impianto del 2019 ed il dettaglio delle chiusure sarà in seguito comunicato, non appena disposto da Roma Capitale. Per il personale impiegatizio della sede di via Benigni la Cgil ha rappresentato il mai sopito dissenso rispetto alla chiusura aziendale. In tal senso appare poco comprensibile che anche l’Amministratore Unico si sia dichiarato contrario alla serrata agostana, che nel contempo si richiedano presidi di interi settori quali Eventi, Ufficio del Personale, Amministrazione, Legale, Logistica, CRD, Patrimonio Culturale... e tuttavia sia stata riproposta la chiusura nella bozza d’accordo.

Questa Organizzazione ha quindi richiesto di eliminarla, valutando un primo passo positivo almeno la sua riduzione passando dalle due settimane previste ai pochi giorni immediatamente precedenti e successivi al 15 agosto. Per i lavoratori fuori sede resta il principio delle deroghe concordate con i funzionari comunali.

La Cgil, nel dichiarare la propria indisponibilità a sottoscrivere accordi che non rispettino le norme vigenti nazionali e contrattuali, ha chiesto di allungare i termini di presentazione delle richieste - di fatto annullando il termine del 31 maggio disposto nelle mail impropriamente inviate al personale- ha posto la necessità di conoscere le motivazioni per le quali alcuni settori abbiano goduto di proroghe al termine normativo del 30 aprile, e chiesto di riportare sempre al tavolo sindacale la discussione, evitando le iniziative dei singoli. L’Amministratore si è impegnato a valutare le ipotesi presentate e a riconvocare il tavolo la prossima settimana.

Scarica il comunicato

Scarica la nostra richiesta di convocazione

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy