testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Dura e senza mezzi termini è la reazione della FP CGIL Roma e Lazio alla notizia dell’ennesima aggressione nel carcere di Frosinone, oggi pomeriggio, dove un detenuto ha impugnato un'arma ed ha minacciato poliziotti penitenziari e detenuti, all'interno di una sezione detentiva.

“Non possiamo accettare una situazione così aberrante – dichiara Stefano Branchi, Fp Cgil Roma e Lazio - il sistema penitenziario è ormai inevitabilmente compromesso, nelle sue sfaccettature generali”.

“Carenze organiche, di strumenti, di formazione, di risorse e strutture obsolete sono ormai la punta dell’iceberg che portano ormai a ricadute sempre più frequenti e preoccupanti per l'incolumità psico-fisica di lavoratrici e lavoratori. Urgono serie politiche di investimento nelle carceri – prosegue Branchi - prima che sia troppo tardi, o forse lo è già”.

“Abbiamo più volte stigmatizzato serie precarietà e problematiche che, quotidianamente, mettono in discussione l'ordine e la sicurezza, oltre a chiedere un rafforzamento dell'esecuzione penale esterna. Nessuno potrà fare finta di niente, la FP CGIL non indietreggia nella lotta e rivendicazione”, conclude.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy