testata 2019

testata smart 2019

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

Ancora una volta l’azienda e qualche “sindacalista” condiscendente, incompetente e con manie di protagonismo hanno realizzato un capolavoro.

  Hanno diviso i lavoratori parlando dei fantasmi del passato, hanno espresso giudizi sull’azienda e di conseguenza sui suoi dipendenti, che ne affosserebbero il futuro, e lo hanno fatto in accordo con una direzione aziendale che sembra sempre più dedita al mutismo selettivo e autoreferenziale.

  Dialogando con esponenti politici dei comuni soci, che brillano per inerzia e confusione, creano un’alleanza distruttiva e dannosa per le casse dei comuni stessi e quindi dei suoi cittadini, sempre più preoccupati di alimentare il turbinio di manager alla guida dell’impresa, che guidano con gli occhi bendati.

  Noi diciamo no a chi pensa di ammazzare un’azienda pubblica per tornare al sistema degli affarucci che da un lato ha ucciso GAIA, GAIA 2 e Lazio Ambiente, e dall’altro ha giustificato il ricorso a società private in appalto che sono state veicolo di violazioni dei diritti lavorativi, e in qualche caso anche di salute, dei lavoratori puntando all’occasione di lucrare su qualche assunzione di favore magari, come in qualche caso, veicolando l’industria del malaffare.

  Noi diciamo no a chi crede che l’equazione dei costi di Minerva si risolva solo minacciando di licenziare chi è in difficoltà, mentre al riparo del tetto degli uffici si ingrassa al calduccio, senza applicare la legge se non costretti dall’autorità pubblica, come nel caso degli indumenti, solo per citarne una.

  Noi diciamo no ai professionisti della ragioneria fantasiosa che non sanno leggere il contratto nazionale di lavoro, confondono qualifica e mansione, sbagliano le date del pagamento dello stipendio e sostengono di farlo nell’interesse dei lavoratori “ad ore” danneggiati.

  Per dire no a tutto questo, per svegliare i sindaci distratti dei comuni soci, che stanno facendo danneggiare i cittadini con un servizio retto solo dalla buona volontà di chi lavora, per difendere il diritto alla salute sancito dai protocolli nazionali sottoscritti con il governo per difendere chi lavora dal Covid, che l’azienda continua ad ignorare aspettando che ci scappi magari il morto e fare comunicati ipocriti di doglianza,

ci riuniamo in assemblea lunedì 3 Maggio, ultime 2 ore di ogni turno

Per dire no a tutto questo invitiamo i cittadini e le forze politiche dei comuni a partecipare e sostenere i lavoratori nella difesa del servizio pubblico, nella lotta contro gli abusi, nella difesa di un progetto di azienda pubblica in cui sembra siano rimasti solo i lavoratori a credere.

Scarica il volantino

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

CONTATTI

SEGRETARIO GENERALE:
Fabrizio Samoré

INDIRIZZO:
Corso della Repubblica, 12 - 00049 Velletri (RM)

TELEFONO: 
+39 06 96142688

FAX:
+39 06 96142702

INDIRIZZO E-MAIL:
fpcastelli@lazio.cgil.it

INDIRIZZO PEC:
fpcastelli@pec.it

SEGUICI SU

FACEBOOK: www.facebook.com/
fpcgil.romasudpomeziacastelli

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Cookies Policy