FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

5957Cgil Cisl Uil: “Inaccettabile. Il 3 settembre manifestazione dei lavoratori, si va verso lo sciopero" Roma, 27 agosto 2018 – “Dalla Regione Lazio ancora nessuna risposta concreta  per i lavoratori dei Cup e dei Servizi amministrativi. L’amministrazione regionale ci ha convocato per il 10 settembre, quando sarebbero già operativi i cambi di appalto e quindi le decurtazioni di salario che abbiamo denunziato e per le quali abbiamo chiesto un incontro urgente. Serve quindi – come già abbiamo chiesto – proroga per il nuovo avviamento e servizi aggiuntivi. Noi non ci stiamo. E il 3 settembre scenderemo in piazza”.

Fp-Cgil Roma e Lazio, Filcams-Cgil Roma e Lazio, Cisl-Fp Lazio, Fisascat-Cisl Lazio, Uil-Fpl Roma e Lazio e Uil Trasporti Roma e Lazio confermano lo stato di agitazione nella vertenza dei lavoratori esternalizzati dei Cup e dei Servizi amministrativi stretti nella morsa di cambi di appalto nei quali, al contrario di quanto sottoscritto nelle intese con la Regione, gli aggiudicatari dei bandi di gara non riescono a garantire salari e posti di lavoro.

“Pretendiamo il rispetto dei patti: i livelli occupazionali, salariali e diritti non si toccano”, dichiarano in una nota i segretari generali regionali delle federazioni di categoria Natale Di Cola (Fp-Cgil Roma e Lazio), Roberto Chierchia (Cisl-Fp Lazio), Sandro Bernardini (Uil-Fpl Roma e Lazio), Alessandra Pelliccia (Filcams-Cgil Roma e Lazio), Carlo Costantini (Fisascat-Cisl Lazio), Simona Rossitto (Uil-Trasporti Roma e Lazio). “La situazione è gravissima e la Regione Lazio non può più sottovalutare le ricadute sui lavoratori e sui servizi pubblici”. “Dopo il primo risultato positivo dell’Azienda Sant’Andrea, c’è stato un brusco e colpevole cambio di rotta: risorse insufficienti, nessuna garanzia sulla tenuta occupazionale e salariale, Regione assente”, proseguono i segretari. “E’ dal 2015 che aspettiamo i progetti innovativi attraverso cui finanziare le risorse necessarie a pagare gli stipendi senza che nessuno rischi di essere licenziato”. “Non permetteremo che si continui a giocare con il futuro professionale e personale dei lavoratori. Nè che il funzionamento dei centri di prenotazione siano messi a rischio” concludono i sindacalisti. “Vogliamo soluzioni certe e tempestive. Il 3 settembre, dalle 9 alle 13, protesteremo in piazza Oderico da Pordenone a Roma contro l’indifferenza dell’amministrazione regionale, per tutelare le famiglie e la qualità dei servizi ai cittadini. In assenza di risposte,  siamo pronti allo sciopero”

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più