FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 Altra tegola sulla testa dei lavoratori nella complessa vicenda dei Cup e dei servizi amministrativi esternalizzati della Regione Lazio. Cgil Cisl Uil annunciano battaglia.
 “Ancora una volta la Regione Lazio non rispetta gli accordi sottoscritti. Alla Asl Roma 2 il cambio appalto rischia di costare caro ai lavoratori impiegati nei servizi”, denunciano in una nota Cristina Compagno, Stefania Gunnella e Massimo Mattei, segretari regionali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl
Fp Lazio, Uil Fpl Roma e Lazio.
 
“Da domani sarà effettivo il passaggio di consegne tra i gestori e per i circa 200 lavoratori dei servizi amministrativi si prospetta un taglio del 10 per cento del salario, corrispondente ad una analoga decurtazione del monte ore. A questo si aggiunge la completa incertezza rispetto al destino dei cosiddetti servizi polifunzionali, come ad esempio il servizio per il cambio del medico di base”.
 
“Con la Regione Lazio abbiamo sottoscritto accordi precisi a tutela dei lavoratori esternalizzati nei contratti con i nuovi soggetti vincitori delle gare d’appalto: mantenimento dei livelli retributivi e occupazionali e mantenimento dell’art.18. Accordi che devono essere rispettati, ma sui quali la Regione continua a non vigilare e a lasciare mano libera a chi si aggiudica le gare” prosegue la nota.
 
“Non permetteremo che questo avvenga, né alla Asl Roma 2 né altrove. Dopo la proclamazione dello stato di agitazione del personale, metteremo in campo una grande mobilitazione”, concludono Cgil Cisl e Uil. “L’11 ottobre faremo un’assemblea con tutti i lavoratori in appalto della Asl Roma 2 e prepareremo tutte le forme di protesta necessarie, anche per i successivi cambi di appalto che vedranno coinvolte tutte le aziende sanitarie regionali. Non ci fermeremo finché i gestori subentranti e la Regione non garantiranno ai dipendenti che già percepiscono stipendi bassi, il rispetto dei patti: posti di lavoro, salari e diritti non si toccano”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più