FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

 

“Un  disastro organizzativo di cui a farne le spese sono i lavoratori, che vedono messi in discussione anche i diritti più elementari. Chiediamo alla Regione Lazio di intervenire immediatamente: siamo di fronte a lavoratori che mandano avanti i servizi alla salute a forza di doppi e tripli turni, notte, giorno e festivi, e dove anche un giorno di ferie o di malattia diventa strumento di ricatto”, così Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini – segretari generali di Fp-Cgil Roma e Lazio, Cisl-Fp Lazio e Uil-Fpl Roma e Lazio al termine dell’assemblea dei lavoratori del San Carlo di Nancy. Assemblea che i sindacati hanno dovuto spostare, all’ultimo momento, da una striminzita stanza buia con i lavori in corso, all’atrio della struttura, dopo che la direzione dell’ospedale aveva negato la disponibilità di locali idonei.

“Un comportamento inqualificabile e un totale disinteresse per la qualità del lavoro e delle prestazioni” tuonano i segretari di categoria di Cgil Cisl e Uil. “Da anni diciamo che la sanità privata ha bisogno di regole, per impedire ai datori di lavoro di fare il bello e il cattivo tempo. Il San Carlo ne è una prova evidente. La Regione ha il dovere di definire le regole e di farle rispettare. I requisiti minimi per l’accreditamento delle strutture devono essere garanzia per gli operatori e per i pazienti, non un alibi per fare cassa sulla pelle di lavoratori e cittadini".

“I lavoratori della sanità privata sono stanchi di aspettare”, attaccano ancora i sindacalisti. “Stanchi di aspettare il contratto, negato da 12 anni, stanchi di aspettare regole e tutele, mai pervenute, stanchi di aspettare il riconoscimento professionale e salariale”.

“Il 14 dicembre incroceremo le braccia con tutti gli operatori della sanità privata del Lazio”, concludono Di Cola, Chierchia e Bernardini. “Le resistenze dei datori di lavoro non ci fermeranno: sarà un grande sciopero e una grande manifestazione regionale per la dignità di chi lavora per la salute delle persone”.

Leggi di più sullo sciopero

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più