FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

5967È di questa estate la notizia che i figli dei dipendenti dell’Ospedale, che hanno regolarmente partecipato alla selezione, non possono accedere al nido aziendale per l’interruzione della convenzione con l’Università La Sapienza, per un mancato accordo economico tra i due enti. È solo l’ennesimo esempio delle disparità di trattamento tra operatori universitari e ospedalieri, medici e del comparto, in cui questi ultimi troppo spesso sono la parte più debole.

Le Aziende Ospedaliere Universitarie, nate con l’intenzione di integrare i servizi con la formazione e la ricerca, oggi si trovano a fare i conti con le scarse risorse economiche, da cui derivano da sempre conflitti e disparità di trattamento. Al Policlinico Umberto I di Roma, la situazione è particolarmente grave. Dal 2007 ai Dirigenti medici dell’Ospedale viene negato il diritto all’attribuzione di incarichi, professionali o gestionali. Negare diritti anche ai figli dei dipendenti è davvero troppo.

“Abbiamo subito inviato una nota alla Regione – dichiara la Fp Cgil di Roma e Lazio - chiedendo di intervenire per il ripristino della convenzione interrotta ad agosto, che non ha dato modo ai dipendenti di valutare alternative in tempo utile. Nessuna risposta è arrivata. Ora, all’inizio dell’anno educativo, non solo genitori e figli si vedono privati di un diritto, con conseguenti disagi per le loro vite, ma si creano disagi nell’organizzazione dei servizi, quindi anche per l’utenza. Serve un intervento urgente e risolutivo. Chiediamo ancora una volta al Magnifico Rettore e al Direttore Generale che, in mancanza di soluzioni alternative, si possa ripristinare anche solo transitoriamente il servizio”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più