FP CGIL ROMA LAZIO

testata smart FPromalazio

ico ministeri md

ico enti locali md

ico sanita md

ico privato sociale md

ico ministeri lg

ico igiene ambientale md

ico vigili fuoco md

ico sicurezza md

ico enti locali lg

ico sanita pubblica lg

ico sanita lg

ico privato sociale lg

ico igiene ambientale lg

ico vigili fuoco lg

ico sicurezza lg

ico ministeri sm

ico enti locali sm

ico blog md

ico regione md

ico info md

ico blog lg

ico sanita sm

ico regione lg

ico privato sociale sm

ico igiene ambientale sm

ico info lg

ico vigili fuoco sm

ico sicurezza sm

ico regione sm

ico info sm

5941.gifSiglati, rispettivamente il 19 e 24 luglio, gli accordi per l’introduzione dello Smart Working nelle due più grandi aziende della cultura del Lazio, LazioCrea e Zètema.

Si tratta dei primi accordi in Italia per aziende che applicano il contratto Federculture, nel cui rinnovo è stato introdotta proprio la previsione del lavoro agile ai fini della conciliazione dei tempi di vita e lavoro, introducendo una maggiore flessibilità nella scelta dell’orario e del luogo in cui lavorare (art. 19).

Si tratta di una modalità innovativa, resa possibile dalle nuove tecnologie, che supera le rigidità del telelavoro, fondata su due principi fondamentali: privilegiare il risultato e svincolare l’obiettivo dalla presenza in ufficio, con modalità organizzative flessibili e fondate su un rapporto fiduciario tra lavoratore e direttore/responsabile.

I dati per le aziende private che già lo attuano dimostrano una maggiore responsabilizzazione dei lavoratori e un aumento della produttività, a fronte di un risparmio per l’azienda, su alcune voci di spesa come gli straordinari.

Mentre per Zètema le modalità attuative saranno meglio regolamentate a settembre, in LazioCrea si definiscono già i primi step procedurali per l’attivazione della fase sperimentale, che durerà sei mesi.

Per entrambi è previsto l’avvio a partire da settembre: al termine della sperimentazione sarà possibile valutare l’efficacia , correggendo e integrando l’accordo per meglio regolamentare lo strumento e ampliare la platea dei dipendenti interessati, facendo crescere la percentuale individuata in questa fase (2% dei lavoratori per LazioCrea, 3% in Zètema).

LazioCrea

Nell’accordo vengono individuati i criteri generali, le modalità di richiesta e i requisiti da privilegiare per l’attribuzione del lavoro agile, dalla distanza del percorso casa-lavoro alla disabilità, alle necessità di assistenza a figli e familiari, meglio specificando le casistiche individuate dalla legge 81/17.

Per accedere sarà necessario un accordo individuale (con recesso da entrambe le parti con preavviso di 30 giorni) tra amministrazione e lavoratore, che potrà articolare liberamente il proprio orario di lavoro, in base alla tipologia di contratto (part-time/full-time), in una fascia oraria dalle 7.30 alle 22.00.

Disciplinati i reciproci obblighi di tutela di salute e sicurezza e rispetto della privacy, dalla garanzia degli strumenti affidati dall’azienda allo scrupolo del lavoratore nella scelta del luogo di lavoro, per evitare l’esposizione a rischi.

Essendo una disciplina relativamente recente, potrebbero mancare riferimenti normativi specifici in termini di sicurezza e infortuni: qualora l’Inail dovesse contestare l’eventuale infortunio, l’Azienda si impegna a garantire il risarcimento attraverso una propria copertura assicurativa.

Si tratta di accordi apripista nel comparto Federculture per tutta Italia, e un esempio da seguire per importare anche nella Pubblica Amministrazione modelli di organizzazione flessibili e orientati al risultato, a vantaggio sia dei lavoratori che del raggiungimento delle performance.

L'accordo Smart Working - Lazio Crea 19 luglio 2018
L'accordo Smart Working - Zètema 24 luglio 2018

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Leggi di più